L’orrore nazista, oggi

Tre considerazioni sulla Giornata della Memoria.

1) È importante che il ricordo del passato non assuma un aspetto puramente commemorativo, il rischio sarebbe la banalizzazione del messaggio.

2) Il Nazismo e i totalitarismi in generale si sono macchiati di abominevoli crimini, come quello dei lager. A mio giudizio il più spregievole è stato aver ridotto gli uomini ad animali: spingendoli a lottare l’uno contro laltro per la propria sopravvivenza(?).
Ciò ci induce a riflettere anche sull’inclinazione malvagia dell’uomo:
– degli esecutori della shoah, che eseguivano stragi come macchine programmate per uccidere e senza rimorsi.
– di tutti, lì dove in particolari situazioni di precarietà (dove la parola speranza non ha più nemmeno un senso) moltissimi perdono la ragione e lottano secondo l’istinto animale.
Questo fu l’orrore nazista.
A proposito riporto una significativa citazione di Primo Levi.

image

3) Non siamo ipocriti, ricordiamo il passato ma ancora oggi ci sono gruppi o Stati che sopprimono con la forza la libertà delle persone. I crimini nazisti continuano ancora oggi in tanti Paesi (persino Superpotenze), con la colpevole indifferenza di noi Occidentali. Individualmente è impossibile cambiare le cose (ovvio), ma partiamo almeno con un piccolo grande impegno: non rassegnamoci al male. Non rinunciamo alle nostre idee, e soprattutto non rinunciamo alle idee degli altri.

Advertisements